4.468 – Messaggio di Nostra Signora Regina della Pace, trasmesso il 13/05/2017

Cari figli, oggi ricordate la Mia Presenza nella Cova da Iria e gli appelli che ho fatto all’umanità. Vi chiedo di mantenere la fiamma della vostra fede. Se gli uomini ascoltassero i Miei Appelli l’umanità sarebbe guarita spiritualmente. Gli uomini si sono chiusi alla Grazia di Dio e sono diventati ciechi spiritualmente. Soffro per quello che vi attende. Piegate le vostre ginocchia in preghiera. Valorizzate la preghiera in famiglia. Pregate il Rosario. Voi, Sacerdoti di Mio Figlio Gesù state attenti. Voi foste scelti da Mio Figlio Gesù e non dagli uomini. Assumete la vostra responsabilità per la salvezza delle anime. Annunciate la verità, correggete gli errori. Nella vostra vita e missione, Dio deve occupare il primo posto. Allontanate i Miei poveri figli dalle tenebre delle false dottrine. Amate e difendete la verità. Se desiderate la vostra salvezza, dovete obbedire a Dio e non agli uomini. Non date spazio a mezza verità. Non dimenticate: A chi molto fu dato, molto verrà chiesto. Coraggio. Guardate l’esempio di Natan  e lasciatevi condurre dall’Azione di Dio. L’umanità è diventata povera spiritualmente perché gli uomini si sono chiusi alla verità. Avanti. Io sono vostra Madre e vengo dal Cielo per richiamare quello che è di Dio. Non tiratevi indietro. Io pregherò il Mio Gesù per ognuno di voi. Fuggite dal peccato e siate del Signore. Con i vostri esempi e parole, mostrate al mondo che Appartenete al Signore. Le porte si chiuderanno per tutti quelli che difendono la verità, ma il Signore non abbandonerà i Suoi Prescelti. Molti prescelti per difendere la verità saranno contaminati dalle false ideologie e il dolore sarà grande per gli uomini e le donne di fede. Ritornate. Questo è tempo di grazia per le vostre vite. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.